Digitale terrestre: come fare a capire se il vostro televisore supporta il Dvb-T2

Da settembre 2021 scatterà il passaggio verso il nuovo standard televisivo Dvb-T2. Ecco cosa c'è da sapere su questo cambio di tecnologia e come scoprire se la vostra TV sarà in grado di decodificarlo

Nuovo digitale terrestre

A partire da settembre 2021 le emittenti nazionali e locali inizieranno a trasmettere i propri canali utilizzando la codifica Mpeg-4 anzichè la più obsoleta Mpeg-2.

Ciò garantirà una maggiore qualità trasmissiva dei canali così da poter garantire l'alta definizione.

Contestualmente a questo passaggio tecnologico vi sarà il cambiamento delle frequenze delle diversi emittenti che proseguirà per diversi mesi. Sarà quindi necessario risintonizzare i nostri televisori / decoder.

In questa prima fase i televisori o i decoder in grado di sintonizzarsi sui canali già in alta definizione come Rai 1 HD (canale 501) e Canale 5 HD (canale 505) continueranno a funzionare. Il vero scoglio tecnologico si avrà nel secondo passaggio che avverrà nel giugno del 2022.

In quel momento solo i dispositivi in grado di decodificare i le trasmissioni in formato HEVC Main 10 saranno in grado di funzionare. Se così non fosse occorrerà quindi acquistare un decoder o un nuovo televisore.

Come fare a capire se la propria TV supporta questa nuova codifica?

E' molto semplice: occorre andare sui canali 100 e 200 del digitale terrestre. Se visualizzate la scritta Test HEVC Main10 siete a posto. Se non la visualizzate provate a risintonizzare i canali dal menu del vostro televisore / decoder. Se anche in tal caso non vedete la scritta di test allora quasi certamente il vostro televisore non è in grado di supportare la nuova tecnologia di trasmissione e dovrete acquistare un nuovo televisore / decoder.

Il Ministero per lo Sviluppo Economico mette a disposizione un bonus di 50 euro per l'acquisto di TV e decoder in grado di ricevere in nuovi standard trasmissivi. Per scoprire se avete diritto al bonus potete accedere al sito dedicato del ministero.

#tecnologie